Putignano, a cent’anni rinnova la patente di guida: “Adoro i motori. E mi sento benissimo”

Giuseppe Mirizzi, Peppino per gli amici, non riesce proprio a fare a meno di mettersi al volante della sua Matiz. “Cerco sempre di arrivare alla visita di controllo in condizioni perfette”

A casa non volevano. Ma Giuseppe Mirizzi, Peppino per gli amici, è uno che fa di testa sua. E continua a coltivare la sua passione per le automobili anche adesso che ha cent’anni e non riesce proprio a fare a meno di mettersi al volante della sua Matiz, forte della patente recentemente rinnovata grazie a una lucidità e a una forma fisica invidiabili. “Cerco sempre di arrivare alla visita di controllo in condizioni perfette, anche perché per fortuna non ho grossi acciacchi. Del resto, appena avverto un dolorino chiamo il medico e cerco di risolvere nel più breve tempo possibile”, racconta Giuseppe.

Putignano, a cent'anni rinnova la patente di guida: "Adoro i motori. E mi sento benissimo"

Il suo segreto è tabù anche per figlie e nipoti (“Sono c… miei”, replica sorridendo a chi glielo chiede), ma di certo una buona pratica per restare in forma è tenersi in movimento. “Ho sempre cercato di camminare per due o tre chilometri al giorno e ancora adesso, di mattina o pomeriggio in base a quanto fa caldo, riesco a percorrere anche un chilometro e mezzo”, le parole dell’evergreen di Putignano, ex titolare di un autoricambi. “E’ sempre stato un amante dei motori e fa di tutto per ottenere il rinnovo ogni due anni. Noi avremmo preferito che dicesse basta, vista l’età, ma anche in quel caso ci ha risposto di badare ai fatti nostri”, racconta Annamaria Mirizzi, figlia di Giuseppe, il quale con la moglie Ninetta ha anche cresciuto Paolo, Gianvito, Marina e Matteo. Quest’ultimo, come la mamma, non c’è più.

Marina, l’altra figlia, ricorda le gite al mare con la famiglia al completo a bordo della Fiat 124. Giorni felici, il dilatato tempo estivo dell’infanzia: Giuseppe divertiva tutti con la sua allegria, sempre disponibile a giocare in acqua e sulla spiaggia”. Milanista, amante dei cruciverba e dei lavoro di campagna, Peppino ha un’altra grande ‘fissa’: la musica. Si diletta a suonare la tastiera. Fra i suoi pezzi preferiti c’è Sognami di Biagio Antonacci.

Ma c’è anche un brano scritto qualche anno fa con la consulenza della figlia Annamaria e ispirato a una signora incontrata in vacanza. Si chiama Libellula casquet ed è incisa su un cd che in famiglia hanno tutti. A festeggiare con lui i cent’anni, oltre a figli, nipoti e pronipoti, anche gli amici di Putignano, a partire dal sindaco Domenico Giannandrea e da don Peppe Recchia. Poi il brindisi nel centro storico. Con un solo rammarico: ci si arriva a piedi.

(25 Posts)

International journalist exploring the world.